Guida al colloquio con il medico

Il colloquio con il medico è un momento fondamentale per procedere ad una corretta diagnosi. Alla visita bisogna elencare i sintomi, gli esami clinici e le terapie precedenti e anche eventuali parenti, soprattutto se di primo grado, affetti da psoriasi. Di seguito un piccolo vademecum per arrivare preparati.

Se compaiono sulla pelle chiazze arrossate/squamose e ispessite, che provocano prurito e/o bruciore, rivolgiti al medico di famiglia per un primo controllo e, successivamente, al dermatologo: potrebbe essere psoriasi.

 

Prima della visita…1

  • Prendi nota di tutti i sintomi. Nei giorni che precedono la visita medica prendi nota di tutti i sintomi che hai notato (anche quelli apparentemente non collegati con le lesioni della pelle), da quanto tempo e in che modo sono insorti. Questo elenco ti aiuterà a descrivere meglio al medico quello che stai vivendo.
  • Analizza la tua storia familiare. Informati sulla presenza di persone affette da psoriasi o altre malattie cutanee nella tua famiglia: la predisposizione alla psoriasi ha una base genetica e la ricorrenza della malattia in parenti di 1°-2° grado può aiutare il medico a formulare la diagnosi corretta.
  • Considera tutte le terapie che stai usando. Fai un elenco di tutti i farmaci, integratori, preparati di origine naturale o altri prodotti che stai assumendo per bocca o che stai applicando sulla pelle (compresi detergenti, creme idratanti e cosmetici).
  • Prepara una lista di domande. Se hai dubbi o preoccupazioni sui sintomi presenti o su aspetti specifici della malattia che può averli determinati, prepara una lista di domande da porre al medico per non dimenticarne nessuna e ottenere dalla visita tutte le informazioni importanti. Ciò aiuterà il medico a comprendere meglio anche il tuo stato emotivo e a fornirti un supporto migliore.

Il giorno della visita…

Porta con te1:

  • tutte le annotazioni che hai preparato (elenco dei sintomi, terapie in corso, storia familiare, domande chiave ecc.);
  • i referti di eventuali esami di laboratorio e/o strumentali eseguiti in precedenza (esami del sangue, ecografie, radiografie, risonanza magnetica nucleare ecc.).

Ricordati di1:

  • indossare vestiti facili da togliere;
  • non applicare cosmetici (fondotinta, creme colorate, fard, ombretti ecc.) in nessun punto della pelle, né smalto per le unghie: ciò permetterà di facilitare l’esame della superficie cutanea e delle unghie da parte del medico.

Durante la visita…

Descrivi con precisione i tuoi sintomi per aiutare il medico a comprendere ciò che stai provando e a formulare una diagnosi corretta. In particolare1,2:

  • esponi il tuo problema e descrivi tutti i sintomi nella maniera più specifica possibile. Per esempio: Le chiazze prudono poco, tanto o per nulla? Il prurito è sempre presente o va e viene? Ti impedisce di dormire di notte? Se hai dolore alle articolazioni, quando è più intenso e quanto dura? È costante? Migliora quando muovi le articolazioni o se le tieni ferme?
  • descrivi le tue abitudini quotidiane, incluso il tipo di alimentazione, se/quanto fumi o se consumi alcol, il tipo di attività fisica svolta ecc.;
  • parla con il tuo medico anche del tuo stato psicologico di base e dell’effetto che la presenza di chiazze o placche sulla pelle hanno sul tuo equilibrio emotivo. Per esempio: Stai attraversando situazioni difficili in famiglia o sul lavoro? Ti senti ansioso o depresso? Preferisci evitare di stare con le persone? Ti senti in imbarazzo perché le macchie si vedono? Percepisci rabbia o nervosismo quando gli altri ti guardano?

Se il medico ha diagnosticato la psoriasi…

  • Tipo e severità della psoriasi. Dopo aver stabilito che si tratta di psoriasi, il medico può porre alcune domande o chiedere di compilare questionari che lo aiuteranno a precisare il tipo di psoriasi presente e la sua severità e a orientarlo nella scelta del trattamento ottimale nel tuo caso1.
  • Ulteriori indagini. Per caratterizzare meglio la malattia e sciogliere eventuali dubbi diagnostici, il medico potrebbe richiedere di effettuare una biopsia cutanea, ossia il prelievo di un frammento di pelle a livello delle lesioni, da sottoporre ad analisi specifiche1.
  • Ascolta attentamente il medico. Presta attenzione a tutte le informazioni, spiegazioni e indicazioni che il medico ti fornirà sulla psoriasi e su come affrontarla. Se hai dubbi o timori di qualunque tipo, chiedi chiarimenti. Il medico ti spiegherà che cosa significa convivere con la psoriasi, se/come sarà necessario modificare alcune delle tue abitudini di vita e quali sono i trattamenti disponibili.

Ricorda che ogni persona vive la psoriasi in modo differente e il tipo di terapia deve essere scelto caso per caso, dopo aver discusso con il medico tutti gli aspetti in gioco, non soltanto sul piano clinico, ma anche su quello pratico e psicologico. Convivere serenamente con la malattia e poterla gestire senza troppa fatica nel quotidiano è fondamentale perché lo stress emotivo è un fattore scatenante e aggravante della psoriasi1,2.

La terapia più adatta per ogni persona deve riuscire a conciliare:

  • il controllo dei sintomi, in considerazione del tipo e della severità della psoriasi;
  • la prevenzione/gestione delle comorbilità (altre patologie associate alla psoriasi);
  • il mantenimento di un corretto stile di vita (parte integrante della terapia).

Modificare alcune abitudini quotidiane che possono favorire/peggiorare la psoriasi e adottarne altre che aiutano a prevenirla/attenuarla può aumentare notevolmente la possibilità di tenere sotto controllo la malattia grazie alle terapie prescritte dal medico e permettere di mantenere una migliore qualità di vita1,2.

Dopo la visita…

  • Aderenza al trattamento1. Cerca di seguire scrupolosamente la terapia prescritta dal medico perché in questo modo potrai trarne i massimi benefici. Se non riesci a farlo, parla apertamente con il medico delle tue difficoltà per individuare insieme a lui trattamenti diversi, più facili da gestire e più compatibili con i tuoi ritmi di vita. Ammettere di non aver seguito le terapie prescritte può essere imbarazzante, ma è di grande aiuto per valutare l’efficacia dei trattamenti e gli eventuali effetti collaterali
  • Positività1. Mantenere un atteggiamento positivo e proattivo nei confronti della malattia è importante per aumentare le possibilità di tenerla sotto controllo e vivere meglio. Cerca di non farti trascinare dallo sconforto e ricorda che i sintomi della psoriasi vanno e vengono e che migliorano più facilmente se non gli si dà troppa importanza. Per vivere più serenamente possono essere utili esercizi di meditazione o attività che aiutano a ridurre lo stress, come yoga, tai-chi, tecniche di respirazione, agopuntura ecc.
  • Chiedi informazioni e chiarimenti1,2. Conoscere la malattia di cui si soffre e capire modalità e obiettivi delle terapie che si stanno seguendo è importante non soltanto per affrontarla al meglio, ma anche per sentirsi “protagonisti” della sua gestione e vivere più serenamente. In caso di dubbi di qualunque tipo sulla psoriasi o sul suo trattamento, chiedi informazioni e chiarimenti al medico, senza timore di sembrare banale.

Alcune domande che potrebbero venirti in mente1

 

Sulla psoriasi…

  • Cos’è la psoriasi? È contagiosa?
  • Le chiazze possono diffondersi in altre parti del corpo?
  • Che cosa causa la psoriasi?
  • Esistono diversi tipi di psoriasi?
  • Quanto è grave la mia psoriasi?
  • Qual è la differenza tra psoriasi ed eczema? È possibile avere entrambi allo stesso tempo?
  • Perché le lesioni della psoriasi possono comparire dove si verifica un trauma cutaneo (fenomeno di Koebner)?
  • Oltre al dermatologo, quali altri medici specialisti può essere necessario/utile interpellare?
  • La psoriasi può causare complicazioni?
  • Cos’è l’artrite psoriasica? Com’è collegata alla psoriasi?
  • In che modo posso tenere sotto controllo la psoriasi?
  • Il sole ha qualche effetto sulla psoriasi?
  • Come devo prendermi cura della pelle con psoriasi? Devo prevedere accorgimenti o impiegare prodotti diversi in estate e in inverno?
  • Posso praticare sport quando sono presenti le macchie?
  • Che cosa devo fare se i sintomi peggiorano?
  • Come posso attenuare il prurito?
  • Dove posso trovare uno psicologo/psicoterapeuta o altro personale sanitario di supporto in grado di aiutarmi a gestire meglio la psoriasi?

 

Sul trattamento…

  • Che cosa posso fare per prendermi cura della pelle con psoriasi?
  • Qual è il piano di trattamento più appropriato per la psoriasi di cui soffro?
  • Qual è lo scopo di ciascuno dei farmaci che mi sono stati prescritti?
  • Quali effetti collaterali potrei sperimentare durante il trattamento della psoriasi?
  • I trattamenti influenzeranno il mio stile di vita e la mia quotidianità? In che modo?
  • Che cosa sono e come funzionano gli agenti biologici per il trattamento della psoriasi? Sono indicati nel mio caso?
  • Oltre ai farmaci, esistono trattamenti complementari per controllare la psoriasi? Come funzionano? Possono essere utili/efficaci nel mio caso?
  • Quali attività/abitudini devo evitare per non peggiorare la psoriasi e per ottimizzare l’efficacia dei trattamenti?
  • Dove posso trovare uno psicologo/psicoterapeuta o altro personale sanitario di supporto in grado di aiutarmi a gestire meglio la psoriasi?
Bibliografia
  1. Mayo Clinic. Psoriasis – Diagnosis and treatment (https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/psoriasis/diagnosis-treatment/drc-20355845). Accesso Novembre 2019
  2. Linder D et al. Perception of disease and doctor-patient relationship experienced by patients with psoriasis: a questionnaire-based study. Am J Clin Dermatol. 2009;10(5):325-30. doi:10.2165/11311190-000000000-00000. (https://link.springer.com/article/10.2165%2F11311190-000000000-00000)
Guida al colloquio con il medico